Quanto conosci il microcredito?

In occasione della Prima Giornata Nazionale della Microfinanza, oggi 30 gennaio 2015, PerMicropropone un contest aperto a tutti.
Si tratta di un quiz dal titolo: “Quanto conosci il microcredito?”

In palio per i primi 10 che risponderanno correttamente è previsto un libro sul microcredito.

Accedi al quiz!

Quale economia di comunità per un nuovo welfare?

Sabato 7 febbraio presso la sala Consiliare di Collegno, via Torino 9, si terrà la giornata di studio dal titolo “Quale economia di comunità per un nuovo welfare?”.

L’iniziativa, che analizza il rapporto tra economia e welfare, nasce dalla necessità di confrontarsi, ascoltando idee e progetti, per cercare di dare risposte ai crescenti problemi dei nostri tempi.

L’attuale situazione economica impone di ri-orientare le politiche pubbliche, nella direzione di un’economia del cooperare, perché è la sola che può dare soluzioni alla fragilità sociale. Una società che si basa sullo sviluppo equo e sostenibile ha come obiettivo la crescita e l’inclusione, che sono gli strumenti per abbattere ingiustizie e povertà.

Il mondo politico, sociale e imprenditoriale è quindi chiamato ad interrogarsi e a costruire nuovi modelli di economia sociale per innescare un processo di cambiamento strutturale, mettendo a sistema e  implementando le varie esperienze in atto.

L’incontro proposto intende essere un’occasione per promuovere una discussione su questi temi e per valutare la possibilità di attivare dei focus tematici con la partecipazione delle varie realtà territoriali in prospettiva di un laboratorio intercomunale dell’area ovest.

Tra gli ospiti  interviene Andrea Limone, Amministratore Delegato PerMicro, sul tema: “Microcredito: se non credi in te stesso, chi ci crederà?”.

Microcredito: disposizioni attuative articolo 111 del TUB

Pubblicato, sulla Gazzetta Ufficiale n. 279 del 1° dicembre 2014, il decreto 17 ottobre 2014, n. 176, recante “Disciplina del microcredito, in attuazione dell’articolo 111, comma 5, del decreto legislativo 1° settembre 1993, n. 385”.

Ricordiamo, anzitutto, che la disciplina legislativa del “microcredito” è stata introdotta per la prima volta nell’ordinamento italiano dall’art. 7 del D.Lgs. n. 141 del 2010, rinnovando l’articolo 111 del Testo Unico delle Leggi Bancarie (TUB), contenuto nel D.Lgs. n. 385 del 1993.

Ulteriori modifiche al testo rinnovato dell’art. 111 sono state successivamente apportate dall’art. 3 del D.Lgs. n. 169 del 2012.
Il decreto – in vigore dal 16 dicembre 2014 – è stato emanato in attuazione del citato articolo 111, comma 5 del TUB, che demandava al Ministero dell’Economia e delle Finanze, sentita la Banca d’Italia, il compito di definire:
1) requisiti concernenti i beneficiari e le forme tecniche dei finanziamenti;
2) limiti oggettivi, riferiti al volume delle attività, alle condizioni economiche applicate e all’ammontare massimo dei singoli finanziamenti;
3) le caratteristiche cui devono rispondere gli enti non commerciali per derogare alle suddette previsioni;
4) l’informativa da fornire alla clientela.

Nel Titolo I (artt. 1 – 4) viene disciplinata l’attività di microcredito per l’avvio o lo sviluppo di iniziative imprenditoriali e per l’inserimento nel mercato del lavoro a cui possono partecipare microimprese organizzate in forma individuale, di associazione, di società di persone, di società a responsabilità limitata semplificata o di società cooperativa.

Nel Titolo II (art. 5) viene disciplinata l’attività di finanziamento finalizzata a promuovere progetti di inclusione sociale e finanziaria destinati a persone fisiche che si trovino in condizioni di particolare vulnerabilità economica o sociale.

Il decreto determina anche i requisiti richiesti per l”iscrizione nell’apposito elenco, tenuto dalla Banca d’Italia, da parte dei soggetti che svolgono esclusivamente l’attività di concessione dei finanziamenti disciplinati dal presente regolamento (“operatori di microcredito”) (artt. 6 – 11).

Determinati anche i requisiti degli “operatori di finanza mutualistica e solidale” iscritti nell’elenco (art. 16).

Consulta il testo del decreto n. 176/2014

 

Fonte: www.tuttocamere.it

Le multiformi caratteristiche del microcredito in Italia

Si tiene a Roma il 26 gennaio il seminario conclusivo del progetto “Azione di Sistema per il Monitoraggio e la valutazione del microcredito in Italia ” realizzato dall’Ente Nazionale per il Microcredito.

Durante il seminario vengono presentati i risultati del monitoraggio e si confrontano varie esperienze di microcredito attive in Italia. Andrea Limone, amministratore delegato di PerMicro, presenta le attività di PerMicro e gli obiettivi raggiunti. L’incontro si conclude con un intervento inerente la regolamentazione del settore del microcredito.

Il seminario si svolge il 26 gennaio dalle ore 9.00 alle 13.30 a Roma presso la Sala Verde – Banca di Credito Cooperativo di Roma – Via dell’Oceano Indiano 13/b (piano – 1).

Per maggiori informazioni visita il sito.

Prima Giornata Nazionale della Microfinanza

In occasione della prima Giornata Nazionale della Microfinanza prevista per il 30 gennaio 2015, la Rete Italiana di Microfinanza – RITMI, Finetica Onlus e l’Associazione Nazionale Studio Problemi di Credito (ANSPC) organizzano a Napoli la conferenza “Microfinanza e fondi strutturali 2014-2020: inclusione, coesione e sviluppo”.

L’incontro si tiene venerdì 30 gennaio alle 9.30 a Napoli presso la Sala delle Assemblee del Banco di Napoli, Via Toledo 177.