VI rapporto dell’Oss. Nazionale sull’Inclusione Finanziaria dei Migranti

Il CeSPI (Centro Studi di Politica Internazionale) ha pubblicato il VI rapporto annuale dell’Osservatorio Nazionale sull’Inclusione Finanziaria dei Migranti: un punto di riferimento unico nel panorama nazionale e europeo sul tema, con dati al 2017.

Attraverso l’analisi delle serie storiche aggiornate, alimentate direttamente dagli operatori finanziari, tra cui PerMicro (cfr. capitolo 3 “Accesso al Credito”), accompagnata da un’indagine condotta su un campione rappresentativo di migranti sui comportamenti finanziari, approfondimenti sull’imprenditoria a titolarità immigrata e  sperimentazioni sui territori e nel campo dell’educazione finanziaria, fornisce una serie di indicatori e di elementi che tracciano una mappa del fenomeno e forniscono indicazioni e informazioni per operatori e istituzioni per rafforzare il processo.

L’inclusione finanziaria apre spazi cittadinanza economica e accelera e facilita il processo di inclusione sociale dei nuovi cittadini italiani. Una consapevolezza sempre più riconosciuta dagli stessi migranti che riconoscono nell’intermediario finanziario un interlocutore privilegiato nel loro processo di integrazione.

Al 31dicembre 2016 la percentuale di immigrati adulti (provenienti da paesi non OCSE, con l’aggiunta della Polonia) è pari al 75%, un dato che rapportato al 2010 (quando l’indice di bancarizzazione era al 61%) mostra un miglioramento sostanziale, ma anche che un quarto della popolazione immigrata si trova ancora finanziariamente esclusa. Al contempo gli indicatori mostrano un crescente bisogno di prodotti e servizi di accumulazione e protezione del risparmio, che rappresenta una sfida importante, con potenzialità sia per il sistema paese nel suo complesso e sia in termini di rafforzamento di un processo di integrazione di questo segmento di popolazione che rimane ancora molto vulnerabile. Sostenere e rafforzare questo processo con politiche e con prodotti e servizi adeguati potrebbe contribuire proprio a ridurre tale vulnerabilità economico-finanziaria e in ultima istanza sociale.

[fonte: www.cespi.it]

Scarica il VI rapporto annuale!

Satispay: scopri in filiale le offerte riservate ai #ClientiPerMicro

A seguito di un accordo appena siglato con Satispay, da oggi esiste il codice promo “PERMICRO”: per tutti coloro che non usufruiscono ancora di questo servizio di pagamento ma ne sono interessati.

Satispay è un sistema di pagamento, tramite applicazione gratuita, che ti permette di acquistare nei negozi convenzionati, fisici e online, effettuare ricariche telefoniche e scambiare denaro con i tuoi amici in modo gratuito e sicuro.

Finalmente la rivoluzione dei pagamenti è approdata anche in PerMicro con interessanti proposte per te!

Sei un consumatore?

Iscriviti gratuitamente a Satispay con il codice promo “PERMICRO” e riceverai subito un BONUS da 5€!
Promozione valida per tutti!

Sei un esercente?

Passa a trovarci presso una delle nostre filiali e scopri le promozioni di Satispay Business!

Progetto LEI: PerMicro partecipa al progetto per il Carcere di Torino

PerMicro è fiera di annunciare la sua partecipazione al Progetto LEI (Lavoro Emancipazione Inclusione), realizzato a Torino con il contributo finanziario di Compagnia di San Paolo, la partecipazione dell’Ufficio Pio della Compagnia di San Paolo nell’ambito del Progetto Logos, il co-finanziamento di Casa Circondariale Lorusso e Cutugno di Torino, Associazione Arione onlus, Cooperativa sociale ExtraliberiCooperativa Sociale Patchanka, Fondazione Casa di Carità Arti e Mestieri e infine il contributo in kind di Intesa Sanpaolo S.p.A., in qualità di ente titolare del Museo del Risparmio.

Il progetto è rivolto in particolare alle donne del Carcere di Torino, con l’obiettivo primario di potenziare le loro opportunità di formazione e occupabilità e di ampliare la platea di coloro che possano disporre di maggiori possibilità di inserimento socio-lavorativo. Il progetto si propone in particolare di:

  • consentire alle detenute di apprendere o affinare le competenze nella prospettiva dell’uscita dal carcere e di un reinserimento socio-lavorativo volto alla prevenzione della recidiva;
  • responsabilizzare le detenute verso il rispetto delle regole, dei tempi e degli impegni;
  • migliorare la condizione detentiva mediante attività che consentano il superamento dell’ozio;
  • aumentare l’autostima attraverso la scoperta o il miglioramento di attitudini e capacità;
  • promuovere un clima di serenità attraverso il rispetto reciproco e con il personale del carcere.

Nel primo anno di attività beneficeranno delle attività del progetto circa 40 donne, detenute all’interno della Casa Circondariale di Torino.

PerMicro è soprattutto coinvolta nell’accompagnamento socio educativo: per le donne che potranno accedere a misure alternative o prossime al fine pena, sono infatti attivati percorsi di accompagnamento socio-educativo volti a sostenere la detenuta nel suo percorso di reinserimento.
Per tutte le donne inserite nel progetto sono inoltre attivati:
– Interventi di educazione finanziaria di base
– Interventi sull’autoimprenditorialità e accesso al microcredito

Sono previsti percorsi per detenute in fine pena ritenute idonee a beneficiare di microcrediti all’impresa attraverso il coinvolgimento di PerMicro, per l’avvio di attività imprenditoriali autonome all’esterno.

Progetto ‘Alternanza scuola-lavoro’: PerMicro e PerMicroLab

Nel corso del 2018, PerMicro collabora con PerMicroLab Onlus nell’ambito del progetto Alternanza scuola-lavoro in alcune scuole superiori italiane: le regioni apripista sono state il Piemonte e l’Abruzzo.

Il programma di PerMicroLab di Alternanza scuola-lavoro (grazie al supporto di Citi Foundation) è incentrato su attitudini, percorsi di studio e scelte di lavoro. Inizialmente vi hanno aderito con entusiasmo tantissime scuole superiori a Torino: l’Arduino, il Maria Ausiliatrice, il Bosso Monti e il Bodoni Paravia. L’obiettivo è quello di aiutare i ragazzi a capire il panorama del mondo del lavoro, le differenze tra lavoro dipendente, lavoro professionale e attività d’impresa.

PerMicro svolge alcuni moduli formativi sul tema del microcredito e dell’educazione finanziaria, coinvolgendo anche alcuni suoi clienti imprenditori per presentare delle testimonianze concrete: è il caso di Andrea Marino, titolare di Altraforma Handmade, che nella foto è ritratto insieme a una classe del Liceo Scientifico F. Masci di Chieti.

L’Alternanza scuola-lavoro è una modalità didattica innovativa, che attraverso l’esperienza pratica aiuta a consolidare le conoscenze acquisite a scuola e testare sul campo le attitudini di studentesse e studenti, ad arricchirne la formazione e a orientarne il percorso di studio e, in futuro di lavoro, grazie a progetti in linea con il loro piano di studi.

L’Alternanza scuola-lavoro, obbligatoria per tutte le studentesse e gli studenti degli ultimi tre anni delle scuole superiori, licei compresi, è una delle innovazioni più significative della legge 107 del 2015 (La Buona Scuola) in linea con il principio della scuola aperta.

 

 

L’appello delle B Corp italiane per lo sviluppo sostenibile

ELEZIONI: APPELLO
 DELLE B CORP AI PARTITI E MOVIMENTI POLITICI ITALIANI.
“CHE PROGRAMMI
 AVETE PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE?”
Roma, 23 Gennaio 2018

Il 23 gennaio 2018 segna una tappa fondamentale per l’imprenditoria e la politica italiane. Per la prima volta un
gruppo di ottanta aziende B Corp da tutta Italia si rivolge alla futura leadership del Paese per ricordare a tutte le forze politiche e ai loro candidati alle elezioni del 4 marzo l’imperativo dello sviluppo sostenibile. La comunità di imprenditori e cittadini delle B Corp italiane chiede, a tutta pagina sul Corriere della Sera del 23 Gennaio 2018, che gli obiettivi di Sostenibilità Sociale e Ambientale, su cui l’Italia si è già impegnata dal 2015 aderendo all’agenda 2030 delle Nazioni Unite, vengano inseriti nei programmi elettorali e vengano perseguiti a fondo dopo le elezioni. L’Italia è solo al 30esimo posto nella classifica UN dello sviluppo sostenibile.

Le B Corp Italiane sul sito www.Bthechange.it con questo appello uniscono la propria voce a quella di ASviS, l’Alleanza Italiana di 180 organizzazioni e reti dedicate allo Sviluppo Sostenibile.

Le 80 B Corp italiane sono aziende ‘attiviste’ parte di un movimento globale di migliaia di aziende in 60 paesi riconosciute per essere le migliori per il mondo. Le B Corp misurano i propri impatti, rispettano i più alti standard di sostenibilità ambientale e sociale, promuovono forme giuridiche innovative come le Società Benefit e invitano tutte le aziende a fare altrettanto, con l’obiettivo di accelerare l’evoluzione dei modelli economici e politici e creare una prosperità durevole e diffusa. I Paesi Europei più evoluti in materia di Sviluppo Sostenibile sono anche quelli più competitivi, con i più alti livelli di qualità della vita e di opportunità per i loro cittadini, di tutte le fasce d’età. L’Italia è un paese con potenzialità straordinarie che vanno valorizzate attraverso lo Sviluppo Sostenibile. ll messaggio nei prossimi giorni verrà ripreso attraverso i canali di oltre 250 tra aziende, organizzazioni e associazioni in tutta Italia.

COSA SONO LE B CORP – Le B Corp sono aziende ‘attiviste’ unite in un movimento in 60 paesi. Le B Corp misurano e raggiungono i più alti standard al mondo di performance sociale, ambientale ed economica e promuovono un nuovo paradigma di business per creare una prosperità durevole e diffusa. Gli strumenti delle B Corp sono utilizzati da oltre 70.000 aziende in 140 settori.

Sito delle B Corp Italiane www.bcorporation.eu/Italy
Il sito dell’appello – www.Bthechange.it

CHI E’ ASviS – L’Alleanza Italiana per lo Sviluppo Sostenibile (ASviS) è nata per far crescere nella società italiana, nei soggetti economici e nelle istituzioni la consapevolezza dell’importanza dell’Agenda 2030 per lo sviluppo
sostenibile e per mobilitarli allo scopo di realizzare gli Obiettivi di sviluppo sostenibile. L’Alleanza riunisce
attualmente oltre 180 tra le più importanti istituzioni e reti della società civile.

Per informazioni sull’appello e sulle B Corp
Telefono: +39 329 411 0776
Email: italy@bcorporation.eu
Email: info@nativalab.com

Agevolazioni e finanziamenti per l’avvio di impresa

PerMicro interviene nell’ambito del ciclo di incontri “Primi passi per giovani imprenditori“, tre appuntamenti a Padova che mirano ad orientare ed informare tutti i giovani con un’idea imprenditoriale.

Mercoledì 7 febbraio, alle 17:00, l’Ufficio Progetto Giovani del Comune di Padova organizza l’incontro “Agevolazioni e finanziamenti per l’avvio di impresa“, a cura di Valentina Vedolin – responsabile filiale PerMicro Padova e Luca Lorigiola – Sportello Nuova Impresa, Camera di Commercio di Padova.

Interviene Antonio Sogni,  referente per il progetto “Rotary per il lavoro”.

L’incontro ha l’obiettivo di illustrare le diverse agevolazioni e opportunità di finanziamento e di accesso al credito per nuove imprese e aspiranti giovani imprenditori. Verranno trattati i seguenti argomenti:

  • le diverse tipologie di fondi e finanziamenti: propri, bancari, confidi, fondi di garanzia, invitalia, finanziamenti agevolati, fondi di rotazione, microcredito;
  • accesso al credito: come rapportarsi con le banche;
  • Rotary per il lavoro“: cos’è e come funziona il progetto.

L’incontro si svolgerà presso lo Spazio 35, al piano terra del Centro Culturale Altinate San Gaetano. La partecipazione è gratuita, ma è richiesta la registrazione online. Come per tutte le iniziative di Progetto Giovani, sarà data la precedenza ad iscrizioni di giovani fino a 35 anni.

 Iscriviti qui

PerMicro at the 2nd Annual Microfinance Summit

,

2nd ANNUAL MICROFINANCE SUMMIT | 25th-26th January 2018 | Vienna, Austria

The 2nd Microfinance Conference will address the different perspectives between the West and the East MFIs and institutional framework challenges they are receiving in the Microfinance world. This Summit focuses on last regulations and legislations, the inclusion of non-developed segments in the Microfinance industry, social impact investing, the latest market trends, besides the technological innovations and innovative services.

In particular, Andrea Limone, CEO at PerMicro, will speak in the following panel:

13:30 – 15:00 || SPEAKERS: DIMITRIOS NIAFAS, PETER SUREK, ANDREA LIMONE

SOCIAL IMPACT INVESTING AT MICROFINANCE

EASI 2014-2020: EU LEVEL FINANCIAL INSTRUMENTS TO SUPPORT EMPLOYMENT AND SOCIAL INNOVATIONS

  • Range of Financial instruments under EaSI and EFSI to improve access to finance for micro and social enterprise
  • Current status of implementation
  • Next step of the EaSI microfinance and social entrepreneurship financial instruments

ARE WE TALKING STATISTICS OR REAL IMPACT? SOCIAL IMPACT MEASUREMENT AT ERSTE

  • Why bother to impact assessment?
  • Why is portfolio statistics just not enough?
  • What says the theory of change?
  • How to perform impact assessment efficiency?

PERMICRO: SOCIAL IMPACT EVALUATION OF AN MFIS

  • Why an outsourcing of the Social impact evaluation?
  • The design of an ad hoc methodology for the evaluation
  • Result and impact of PerMicro in Italy: customers and states

 

Download the brochure.

 

Promoting the Economic Integration of Migrants

Promoting the Economic Integration of Migrants
19 gennaio 2018 | ore 14.00 – 19.00 | @BASE Milano

RENA, Make a Cube3 e il Politecnico di Milano sono felici di invitarvi al Policy Forum “Promoting the Economic Integration of Migrants” nell’ambito di SAME Project – Supporting Action for Migrant Entrepreneurship, supportato da JP Morgan.

Durante l’evento, verrà presentata la ricerca condotta sulle politiche e pratiche a supporto dell’inclusione sociale ed economica di migranti e rifugiati in diversi paesi europei. Ne discuteranno esperti, ricercatori e policy maker, con particolare riguardo al contesto italiano.

In particolare, Andrea Limone, amministratore delegato PerMicro, interverrà nel seguente panel:

h 3.15 | Entrepreneurship and labour-market integration, a look to the best practices
Michele Rossi , CIAC Onlus
Yara Al-Adib, From Syria with Love
Vincent Zimmer, Kiron University
Andrea Limone, PerMicro

Mario Morcone, Capo del Gabinetto del Ministero dell’Interno, presenterà le osservazioni conclusive. Alla discussione parteciperanno, tra gli altri, Pier Francesco Majorino, Alessandra Venturini, Aly Baba Faye,
Michele Rossi e Vincent Zimmer.

Programma dell’evento.

L’evento è a ingresso libero, previa registrazione, fino a esaurimento posti.

 

“How much impact do you expect from an MFI?”

How much impact do you expect from an MFI?
The case study of Italian-based PerMicro

PerMicro will hold a seminar at the European Investment Bank Institute on 14th December 2017, within the framework “European Initiatives for the Common Good”.

PerMicro is the first Italian company specialised in offering microcredit to people who do not have access to traditional credit channels because of insufficient credit history or precarious working position.

The project conducted by Tiresia research group of the Polytechnic of Milan aims at developing an ad hoc methodology to measure the social impact generated by PerMicro activities.

This methodology contributed to establish effects and benefits generated by the organization on direct beneficiaries and community in the long period.

The methodology was developed in three steps:
1. the analysis of existing approaches and tools related to performance and impact measurement of social entrepreneurship organizations;
2. the evaluation and selection of existing instruments in answer to the needs and peculiarities of PerMicro;
3. the implementation of the chosen tools to design an ad hoc methodology to measure PerMicro’s social impact.

The seminar will be focused on the presentation of the social impact generated by the loans that PerMicro disbursed in the period of 2009-2014. Which numbers do you expect? Come and see!

See full leaflet.

Delivering Financial Capability: A Look at Business Approaches

 

PerMicro is among the business cases in the latest research, published in October 2017, by the Centre for Financial Inclusion: “Delivering Financial Capability: a look at business approaches”.

Justyna Pytkowska outlines six strategies that microfinance institutions across Europe and Central Asia use to deploy financial capability interventions, and evaluates whether these institutions successfully integrate and sustainably fund these programs within their core lines of business:

1. Income From Fees, Services or Materials;
2. Grants and Subsidies;
3. Absorption Into Marketing or Corporate Social Responsibility Budgets;
4. Integration Into Credit Processes and Routine Client Interactions;
5. Cost-Sharing Through Partnerships;
6. Use of Volunteers

This report unpacks these findings and highlights their implications for other organizations interested in developing their own financial capability programs for the benefit of microfinance clients around the world.