Reciprocità nella fiducia tra imprese e banche: che cosa è cambiato?

Seminario 28 SETTEMBRE – ORE 10
Palazzo dei Contratti e delle Manifestazioni – via Petrarca 10, Bergamo

Le imprese, nell’ambito della loro operatività, chiedono prestiti alle banche e prestano loro denaro. La duplice relazione che si instaura tra imprese e banche deve poggiare su rapporti di reciproca fiducia. Negli ultimi periodi, in particolare, sono emersi elementi che hanno talvolta indebolito la qualità della relazione. L’incontro ha come obiettivo di fornire una panoramica dell’attuale stato del sistema finanziario, anche alla luce degli eventi negativi che ne hanno minato la credibilità, al fine di rafforzare la fiducia da parte degli interlocutori del sistema stesso, siano essi imprese o privati. Saranno inoltre presentati strumenti e leggi che le imprese devono conoscere per tutelarsi o per migliorare le proprie opportunità di accesso al credito.

Interviene anche Andrea Limone, amministratore delegato PerMicro, nella seconda parte del programma:

h 11.15-13.15 – QUALI OPPORTUNITÀ DI ACCESSO AL CREDITO DA PARTE DELLE IMPRESE?
Come le banche valutano la richiesta di credito da parte delle imprese
Luca Gotti, rappresentate sistema credito tavoli territoriali
La microfinanza per le imprese
Andrea Limone, CEO, Permicro Spa
Il problema dell’accesso al credito per le imprese: la soluzione Fondo di Garanzia per le PMI
Guglielmo Belardi, Banca del Mezzogiorno – MedioCredito Centrale Spa

Scarica l’intero programma del seminario.

 

Coordina gli interventi Laura Viganò, Università degli Studi di Bergamo, Dipartimento Scienze Aziendali, Economiche e Metodi Quantitativi.

Iniziativa finanziata dalla Camera di Commercio e organizzata da Bergamo Sviluppo su proposta del Comitato per la Promozione dell’Imprenditorialità Femminile in collaborazione con l’Università di Bergamo e il sistema associativo locale.

La partecipazione al seminario è GRATUITA e APERTA a imprenditori, aspiranti imprenditori e a tutti gli interessati, previa registrazione online sul sito web di Bergamo Sviluppo > www.bergamosviluppo.it

PerMicro tra le migliori B Corp mondiali per la categoria “Best for Customers”

Oggi, PerMicro viene premiata per lo straordinario impatto positivo sulla società, misurato attraverso lo standard indipendente sviluppato da B Lab e già utilizzato da oltre 60.000 aziende in 50 paesi. Le aziende premiate sono elencate su B the Change, la media company di B Lab.

PerMicro è stata inserita nella lista Best for Customers, che include quelle aziende che si distinguono per un punteggio superiore al 90% nella categoria Customers del B Impact Assessment rispetto alle 2.100 B Corp certificate. La valutazione misura l’impatto dell’azienda sui dipendenti, la comunità, i clienti e l’ambiente. Per certificarsi come B Corp, aziende come PerMicro devono completare la valutazione B Impact Assessment e sottoporla a verifica da parte di B Lab.

La sezione Customers del B Impact Assessment misura l’impatto positivo dell’azienda sui clienti attraverso prodotti o servizi che promuovono un beneficio per la società. La sezione inoltre premia prodotti o servizi progettati per risolvere un problema sociale o ambientale (migliorare la salute delle persone, proteggere l’ambiente, creare opportunità economiche per individui o comunità svantaggiate, promuovere arte e scienza, etc.).  Il conseguimento di un punteggio superiore al 90% di tutte le B Corp stabilisce il riferimento di eccellenza per le aziende che utilizzano il business come forza positiva. PerMicro è entrata nella lista grazie al suo impegno nel settore della microfinanza e alla sua mission di ‘traghettare’ i propri clienti dalla non bancabilità alla bancabilità.

Le 174 aziende selezionate come Best for the World operano in 63 settori diversi in 29 paesi. B Lab pubblica contemporaneamente delle liste separate che riconoscono le B Corp che hanno ottenuto i migliori risultati in singole categorie come Best for the Environment, Best for the World, Best for the Long Term, Best for Community, Best for Workers e Best for World: Changemakers, che sono elencate su Best for the World Funds su http://bftw.bthechange.com.

“Aziende come PerMicro dimostrano come un’azienda possa avere un impatto positivo sulla società,” dichiara Jay Coen Gilbert, cofondatore di B Lab. “Siamo orgogliosi di riconoscere il loro traguardo. Best for the World è l’unica lista di aziende con impatto positivo che usa dati completi, comparabili, validati da terzi riguardanti l’impatto sociale ed ambientale.”

“Siamo onorati di essere stati riconosciuti Best of the World 2017 nella categoria Best for Customers,” afferma Andrea Limone, amministratore delegato di PerMicro. “Questo premio attesta il nostro impegno quotidiano per creare occupazione e inclusione sociale e finanziaria. Il nostro obiettivo è crescere nel punteggio delle altre categorie premiate da B Corporation ed essere nuovamente premiati il prossimo anno tra le migliori B Corp a livello mondiale.”

Oggi ci sono più di 2.200 B Corp Certificate in più di 130 settori e 50 paesi, unite da un unico obiettivo comune: ridefinire il significato di successo nel business. Qualsiasi azienda può misurare e gestire il proprio impatto sociale ed ambientale su http://bimpactassessment.net .

Forme di finanziamento per la piccola impresa: appuntamento a Vicenza

LA CAMERA DI COMMERCIO per le nuove imprese presenta

“Forme di finanziamento per la piccola impresa”

giovedì 14 settembre 2017 h 9.30 – 12 | Camera di Commercio di Vicenza, via Montale 27 – Sala Consiglio

La partecipazione all’incontro è gratuita. Per partecipare all’incontro è necessario registrarsi compilando il Modulo di registrazione on-line disponibile qui.

PROGRAMMA

9.30 Saluti di apertura

Elisabetta Boscolo Mezzopan – Segretario Generale, Camera di Commercio di Vicenza

9.40 Panoramica sulle agevolazioni per l’avvio delle imprese

Luca Lorigiola – Camera di Commercio di Padova, Servizio Nuova Impresa

10.25 Modalità di accesso al microcredito: l’esperienza di Cassa di Risparmio del Veneto

Maurizio Carrer – Intesa Sanpaolo

10.55 Modalità di accesso al microcredito: l’esperienza di un operatore di Microcredito

Valentina Vedolin – PerMicro SpA

11.25 Il programma Selfiemployment nell’ambito della Garanzia Giovani

Stefano Battaggia – Ente Nazionale Microcredito

11.40 Finanziamenti della Regione Veneto – imprenditoria giovanile e femminile

Valeria Ghiotto – Fondazione Centro Produttività Veneto

SHORT on WORK 2017: concorso video sul lavoro contemporaneo

SHORT on WORK 2017 – 6° edizione
In corso la sesta edizione del concorso internazionale di video sul lavoro contemporaneo

Organizzato dalla Fondazione Marco Biagiil concorso internazionale di video brevi sulle rappresentazioni del lavoro contemporaneo ‘SHORT on WORK‘, giunto alla 6° edizione, mira a raccogliere e valorizzare rappresentazioni originali del lavoro nelle società contemporanee.

 

La partecipazione è riservata a opere audiovisive:

  • che abbiano per soggetto il lavoro contemporaneo
  • di durata non superiore a 10 minuti

 

Il termine ultimo per inviare i propri documentari a SHORT on WORK 2017 – 6° edizione è fissato al 31 ottobre 2017.
Il premio per il migliore video è fissato in euro 1.500,00. Il premio per il secondo classificato è fissato in euro 1.000,00.

Il concorso è parte di un programma di ricerca condotto dall’ Università di Modena e Reggio Emilia – Dottorato di Ricerca in Lavoro, Sviluppo e Innovazione con l’obiettivo di promuovere una rinnovata produzione audiovisiva sul lavoro contemporaneo, anche mediante l’individuazione di criteri tipologici innovativi e interdisciplinari, teorici e tecnici, capaci di orientare nuove produzioni e di valorizzarne le ricadute in termini didattici e di ricerca.

La cerimonia di premiazione si svolgerà il 6 dicembre 2017 presso la Fondazione Marco Biagi di Modena e sarà preceduta dalla proiezione di una selezione dei documentari in concorso.

Il Regolamento e tutte le informazioni sul concorso sono reperibili nel sito Internet: www.shortonwork.org

Per informazioni: 00 39 059 2056060 – info@shortonwork.org

 

Fondazione Marco Biagi Largo Marco Biagi 10 (già Viale Storchi 2) 41121 Modena (Italia)

Con la collaborazione di:

Centro Sperimentale di Cinematografia, Archivio Nazionale Cinema d’Impresa – Archivio Audiovisivo del Movimento Operaio e Democratico – Regione Emilia Romagna- Comune di Modena

Balon Mundial 2017: la finale a Torino domenica 16 luglio

Anche quest’anno abbiamo sponsorizzato l’XI edizione di Balon Mundial 2017: la più nota Coppa del Mondo delle Comunità Migranti a Torino.

Per chi avesse piacere di assistere all’atto finale e alla consegna dei premi, l’appuntamento è dalle ore 14.00 alle ore 17.00, domenica 16 Luglio presso i campi sportivi del CUS Torino, in Via Milano 63 a Grugliasco.

Ci saremo anche noi!

Balon Mundial 2017 Balon Mundial 2017

Guarda le foto dell’evento.

 

Impatto sociale di PerMicro a cura del Centro Tiresia – PoliMi

L’ecosistema dell’imprenditorialità sociale sta attraversando un periodo di crescita e trasformazione che ha come conseguenza l’ingresso di nuovi attori e l’emergere di nuove esigenze e opportunità per i soggetti che tradizionalmente lo popolano. Un esempio è la graduale, ma significativa, comparsa degli investitori ad impatto sociale i quali, utilizzando architetture proprie del mondo della finanza tradizionale, presentano specifiche necessità in termini di misurazione e rendicontazione.

L’utilizzo di un buon sistema di misurazione dell’impatto sociale può giocare un ruolo cruciale nell’attivare e facilitare la comunicazione e le relazioni tra i diversi soggetti quali policy makers e organizzazioni del Terzo settore e dell’imprenditoria sociale.

PerMicro ha compreso l’importanza di disporre di un sistema di misurazione dell’impatto sociale quale strumento di controllo, pianificazione, comunicazione e monitoraggio per massimizzare l’efficienza ed efficacia della propria attività. Per questo motivo, tra il 2015 e il 2017, ha incaricato il Centro Tiresia del Politecnico di Milano di condurre un’analisi sull’impatto sociale dei propri microcrediti erogati tra il 2009 e il 2014. Nel mese di maggio 2017 sono resi pubblici i risultati finali della ricerca condotta dai i professori e i ricercatori Irene Bengo, Mario Calderini, Debora Caloni.

Uno degli impatti più rilevanti è sicuramente quello generato sulle persone che, prima di ricevere un prestito da PerMicro, risultavano non bancabili non avendo accesso al credito tramite canali tradizionali. Infatti, nei quasi 6 anni oggetto della ricerca, più di 500 imprenditori e più di 1.600 famiglie sono passati da essere non bancabili a bancabili.

Tra i benefici per l’amministrazione pubblica, invece, si evidenzia per le imprese una riduzione della spesa pubblica di circa 3 milioni di euro l’anno e un aumento delle entrate statali che risulta essere mediamente di circa 12 milioni l’anno; mentre per le famiglie l’aumento delle entrate statali corrisponde a circa 5 milioni in sei anni.

Infine è importante mettere in risalto i benefici generati per imprenditori e famiglie in termini di risultati, che vanno dalla generazione di nuovi posti di lavoro, alla crescita dell’impresa, dall’accesso alle cure mediche, alla riduzione del numero di famiglie che vivono sotto la soglia di povertà.

Il Prof. Mario Calderini, Centro Tiresia – Politecnico di Milano, commenta: “La sfida della misurazione dell’impatto del microcredito è ancora aperta ma il caso di PerMicro dimostra che questa sfida può essere affrontata con strumenti metodologici fondati scientificamente, che consentono di misurare e quantificare il valore sociale generato, in tutte le sue molteplici articolazioni. Consapevolezza e condivisione, unite a rigore metodologico, sono gli elementi che devono ispirare i prossimi esercizi di misurazione”.

L’Amministratore Delegato di PerMicro, Andrea Limone, aggiunge: “Un grande risultato è quel “51” che corrisponde alla percentuale di imprenditori che hanno avuto accesso a forme di finanziamento tradizionale dopo il prestito di PerMicro. La bancabilità dei nostri clienti è la nostra mission: la strada è ancora lunga, ma questi risultati indicano che stiamo andando nella direzione giusta, cioè quella dell’inclusione finanziaria. Per questo motivo abbiamo scelto di proseguire nella collaborazione con il Centro Tiresia avviando una nuova edizione della ricerca che approfondirà anche nuovi aspetti di inclusione.”

Scarica la ricerca!

Download the research!

Leggi l’articolo de Il Sole 24 Ore!

PerMicro stringe accordo con la Banca Alpi Marittime

Accordo fra BAM e PerMicro
per offrire strumenti di microfinanza e di microcredito

 PerMicro ha sottoscritto un accordo con la Banca Alpi Marittime: con esso hanno condiviso i principi di una finanza eticamente orientata riconoscendo la presenza di soggetti esclusi dal sistema bancario ai quali si intende dare un’opportunità di crescita e di inclusione anche attraverso gli strumenti di microfinanza, in particolare col microcredito.

Il progetto potrà anche sostenere le persone in condizioni di vulnerabilità economica e sociale, nonché aiutare coloro che vogliono avviare una microimpresa non solo con un finanziamento, non possibile attraverso i tradizionali canali bancari, ma offrendo anche il necessario tutoraggio per l’avvio dell’attività. Il microcredito si differenzia infatti dai prestiti bancari per il piccolo taglio dei crediti, per la tipologia di clienti, per l’assistenza tecnica e il monitoraggio delle attività finanziate con il prestito e per il bilanciamento tra gli interessi dei finanziatori e il bisogno di denaro di chi richiede il prestito.

Banca Alpi Marittime viene fondata il 4 giugno 1899 con la denominazione “Cassa Rurale di depositi e prestiti di Carrù”. Il credito cooperativo carruccese attualmente opera sul territorio attraverso un totale di 21 filiali di cui due sedi distaccate a Torino e Loano, coprendo un’area complessiva di 95 Comuni di “competenza”.

Per maggiori informazioni su Banca Alpi Marittimewww.bancaalpimarittime.it

Leggi il comunicato stampa!

Treviso: “Microcredito, Cos’è, come funziona, come richiederlo”

Programma della giornata

Mattina
9.15: Registrazione dei partecipanti
9.30: Saluti iniziali e apertura dei lavori Mario Pozza – Presidente CCIAA Treviso-Belluno
9.45: Il microcredito come strumento di sviluppo – modalità di funzionamento del Fondo di Garanzia dott. Paolo Carlucci
10.45: La misura del SELFIEmployment nell’ambito della Garanzia Giovani dott. Stefano Battaggia – Ente Nazionale per il Microcredito
11.00: Coffee break
11.15: Tavola rotonda: il ruolo della banca, modalità di accesso al credito e criteri di valutazione del progetto d’impresa Banca Etica, PerMicro, Gruppi bancari del territorio Moderatore: dott. Paolo Carlucci
12.45: Dibattito
13.00: Pausa pranzo
Pomeriggio
14.00: Come presentare un progetto per una richiesta di finanziamento con il microcredito
15.00: Case history – presentazione di due progetti finanziati grazie al microcredito
16.30: Quesiti
17.00: Chiusura lavori

Iscriviti all’evento!

PerMicro al “Il Salone della CSR e dell’innovazione sociale”

L’Agenda ONU 2030 chiama imprese, istituzioni e organizzazioni a concorrere al raggiungimento di ambiziosi Obiettivi di Sviluppo Sostenibile.
Qual è la situazione ad oggi? E quali gli impegni e le sfide per il futuro? Questo il tema della tappa bolognese de “Il Salone della CSR e dell’innovazione sociale”, che si terrà a Bologna il 29 e 30 maggio.

La tappa bolognese avrà come focus gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile (SDGs), con l’obiettivo di indagare come imprese, istituzioni e organizzazioni stiano concorrendo al raggiungimento degli SDGs. L’evento intende promuovere un confronto multistakeholder sul tema, rivolto in primo luogo agli studenti, per mostrare come tutti questi attori stiano contribuendo concretamente al raggiungimento degli obiettivi stessi attraverso specifici progetti e/o iniziative di rilievo.

Lunedì 29 maggio pomeriggio verrà organizzata presso l’Aula dei Poeti di Scienze Politiche una sessione introduttiva intitolata “Aspettando il Salone”.

Martedì 30 maggio si svolgerà una giornata di confronto al Teatro Comunale di Bologna.

PerMicro, nella persona di Francesca Francese – Responsabile PerMicro Emilia-Romagna – porterà la propria testimonianza all’interno della tavola rotonda “Inclusione sociale: Dare accesso alle opportunità”, focalizzata sul SDG 10 “Ridurre le disuguaglianze”, che si terrà il 30 maggio pomeriggio. Alla tavola rotonda interverranno, oltre a PerMicro, Coop Camelot, Emilbanca, e il Comune di Bologna.

Consulta il programma!

Microfinanza e sviluppo responsabile: convegno a Roma

“Microfinanza e sviluppo responsabile”
4 maggio 2017 ore 14
Rettorato, aula Organi Collegiali
Università di Roma
Piazzale Aldo Moro, 5 – Roma

Giovedì 4 maggio in Aula Organi Collegiali si svolgerà il dibattito  MICROFINANZA E SVILUPPO RESPONSABILE in cui verrà presentato il progetto “Verso una Casa della Microfinanza” promosso dalla sezione di Cooperazione Internazionale di Fondazione Roma Sapienza con i Rotary Roma Ovest, Roma Parioli, Roma Tevere e Monterotondo Mentana e il patrocinio del Rotary Distretto 2080.

La microfinanza offre a soggetti “non bancabili” opportunità per avviare piccoli progetti produttivi capaci di innescare processi virtuosi di crescita del capitale umano, driver della crescita economica e individuale.

La microfinanza, nata per offrire soluzioni più solide rispetto alle convenzionali politiche di cooperazione allo sviluppo, va estendendosi anche nei Paesi avanzati ove abbondano aree di disagio e conseguenti difficoltà di accesso al credito formale.

Il dibattito viene introdotto dal Rettore Eugenio Gaudio e dal presidente di Fondazione Roma Sapienza Antonello Folco Biagini.

A seguire presentano il progetto Roberto Pasca di Magliano (Fondazione Roma Sapienza-Cooperazione Internazionale) il Governatore del Rotary Distretto 2080.

Si confrontano le istituzioni: Mario Baccini (Ente Nazionale per il Microcrecredito), Bernardo Bini Smaghi (Cassa Depositi e Prestiti)*, Roberto Parmeggiani (Banca d’Italia)*, Raffaele Rinaldi (ABI), Gianluca Massimi (Fondo Europeo per gli Investimenti).

Ne parlano gli Operatori: Emanuele Cabras (COOPFIN), Andrea Limone (PerMicro), Andrea Nardone(Fondazione Risorsa Donna).

Conclude: Mario la Torre

Scarica la locandina